venerdì 9 gennaio 2009

Intervista a Pasca Piredda...



al Punto Zenith, presentazione del libro "Il Campo della Memoria", del Generale G. Farotti, il 18 aprile 2008 (l'intervista a Pasca è dal minuto 7 e 30 sec. in poi del filmato).

Una donna integrale, nella nostra Storia

di Marina Chantal Rajani


Il Sottotenente di vascello, responsabile dell'ufficio stampa della Xa Flottiglia Mas, Pasca Piredda ci ha lasciato oggi. Con lei …un pezzo della nostra storia. Scrivere di lei, senza cadere nella retorica non è semplice perché la sua vita è stata, a nostro avviso, lo specchio di quello che le persone che credono in un certo mondo dovrebbero essere.Il suo stile mi ha affascinato e colpito. Le style c’est l’homme, si dice, ma certamente anche la donna ! La sua semplicità nel raccontare i momenti difficili della RSI, le scelte molto coraggiose della giovane donna di allora, che aveva una visione di continuità degli ideali che andavano al di là della disfatta bellica, il suo non mischiarsi nella “politicheria”, nei periodi successivi, ma di restare comunque una enciclopedia vivente per le generazioni successive che non avevano vissuto le scelte dei miliziani della Decima. Ricordiamoci che a quelle scelte dobbiamo, noi tutti, ancora moltissimo, non solo in termini di difesa dell’Onore d’Italia ma anche di difesa fisica delle infrastrutture e delle industrie di una bella fetta della nostra Patria. Ma Pasca, credetemi, sorprendeva anche come persona, per il suo carattere fortissimo ma con senso dell’umorismo (questo la accomunava al suo Comandante), per l’appoggio e lo sprone che sapeva darci a traguardare oltre il mondo attuale, a spingerci ad essere ponte verso altre generazioni. La prima donna con un grado militare ci spingeva non perdere mai l’entusiasmo anche, se a volte, ci sentiamo gocce nel mare. Per non dimenticare, ma e soprattutto, per offrire un’idea alternativa. Pasca seguiva tutto del mondo attuale, non viveva di nostalgia ma di progetti e di ideali. Attenta al sociale ed alle alternative che la nostra visione del mondo può davvero fornire allo squallore di molte società chiamate civili. Pasca mi raccontava della scuola di cultura politica del Celio a Roma (una specie di master ante-litteram) che aveva frequentato appena laureata e che rappresentava un’opportunità reale per le giovani donne che volevano far politica. Un segno dell’apertura del Regime alle donne quando molte altre nazioni di Europa negavano ancora diritti politici al gentil sesso. Fu ricercatrice sui mistici di ogni tempo, sotto la guida di quell’uomo straordinario che fu Fernando Mezzasoma. Vedevano la rivoluzione fascista proiettata verso modelli ed obiettivi lontani come “miti da conquistare”, e come creatrice di una dottrina anche nel corso dell’azione e del proprio atteggiamento volontaristico. Questo atteggiamento lo ritrovo assolutamente nella figura di Pasca Piredda, nel suo vissuto, nei libri che ha scritto. Donna estremamente femminile e piena di talento, quasi da prendere ad icona dei manfesti di Boccasile, con il quale fervidamente collaborò ai tempi in cui era addetta all’Ufficio stampa della Decima ma anche miliziana in missioni pericolose. Donna integrale non femminista, per chi vuole capirmi. Donna con grande senso dell’onestà che tributava onore al giovane capo partigiano che l’aveva salvata dal plotone di esecuzione, certamente toccato dalla spiritualità di questa piccola-grande persona. Il capo partigiano è stato poi , sua volta ucciso dai suoi stessi compagni… Madre molto presente e, dopo la guerra , sempre impegnata a scrivere e documentare.Un po’ futurista e un po’ mistica, per un verso pragmatica combattente e per l’altro affascinata, come noi tutti, dalla figura mitica del suo Comandante. (riascoltate anche la nostra intervista su Radio Punto Zenith nel Maggio 2008).

Grazie Pasca, la tua scuola di vita ci ha lasciato un segno indelebile e la volontà di continuare, idealmente, a marciare.

Nessun commento:

Il Comandante Bardelli

Il Comandante Bardelli
Rara foto in divisa da Ufficiale della Regia Marina

Il Comandante Bardelli

Il Comandante Bardelli
A Nettuno, nel Btg. Barbarigo della Xa MAS

Il Comandante Bardelli

Il Comandante Bardelli
Assieme ai suoi marò del Barbarigo

Decima MAS

Decima MAS
Ufficiali del Btg. Maestrale (poi Barbarigo): Tognoloni, Cencetti, Posio, Riondino...

MAS a Nettuno affondano un Pattugliatore americano

MAS a Nettuno affondano un Pattugliatore americano
L'azione di Chiarello e Candiollo in copertina all'Illustrazione del Popolo del 19 marzo 1944